Francesco Erbani racconta “l’Italia che non ci sta”

Venerdì 11 ottobre il giornalista de La Repubblica presenterà il libro in cui racconta storie positive come quelle delle cooperative di comunità abruzzesi di Confcooperative Abruzzo.

Pescara, 10 ottobre 2019 – C’è un’Italia che non ci sta. Sembra solo un gioco di parole, ma è il cuore del volume di Francesco Erbani “L’Italia che non ci sta. Viaggio in un paese diverso” (Einaudi), che racconta le mille storie di un Paese che non si arrende, crea valore, realizza comunità, lotta contro lo spopolamento, crede in un futuro migliore. Storie tra cui anche quelle della rete Borghi In, che da tempo Confcooperative Abruzzo sta portando avanti per ridare speranza alle aree interne della nostra regione con il protagonismo delle cooperative di comunità.

Erbani, giornalista de La Repubblica, sarà a Pescara venerdì 11 ottobre per presentare il libro in un doppio incontro. Alle 11.00 al Liceo Classico “G. D’Annunzio” e alle 15.00 all’Aurum, per un dibattito promosso da Confcooperative Abruzzo e dalla facoltà di Architettura dell’Università “d’Annunzio” di Chieti Pescara, con il coordinamento scientifico di Luciana Mastrolonardo e Alberto Ulisse.

I saluti iniziali dell’incontro dell’Aurum saranno a cura di Paolo Fusero, direttore del dipartimento di Architettura, Carlo Masci, sindaco di Pescara, Angelo D’Alonzo, presidente Ordine degli Architetti di Pescara. L’introduzione al tema sarà a cura di Massimiliano Monetti, presidente Confcooperative Abruzzo, che lascerà la parola a Francesco Erbani per un dialogo con Christian Corsi, preside di Scienze della Comunicazione a Teramo, Chiara Rizzi, docente del dipartimento Culture Europee e del Mediterraneo a Matera, Alberto Ulisse, dipartimento di Architettura a Pescara.

A seguire, in programma testimonianze e storie collettive: Giuseppe Mangano e Andrea Procopio racconteranno “Pensando meridiano”, laboratorio permanente di cultura sostenibile, innovazione e coesione sociale a Reggio Calabria, Manuela Cozzi e Palmerino Fagnilli parleranno delle cooperative di comunità di Anversa degli Abruzzi e Pizzoferrato, Francesca Di Credico porterà l’esperienza del comitato di quartiere Rancitelli a Pescara, e infine Manuela Romano parlerà dell’associazione Millimetri.

“Meriterebbero di essere raccontate – si legge nella presentazione dell’incontro – molte storie di un’Italia che non ci sta, resiste, si dà da fare e che va sperimentando nuove forme comunitarie, nuovi lavori, nuovi sistemi cooperativi, nuovi modi di abitare, nuove relazioni con il territorio. I come Italia. L’Italia che organizza da sé il futuro, non si rassegna e che Francesco Erbani racconta, dalle valli venete ai monti abruzzesi, dai borghi spopolati in Calabria al napoletano Rione Sanità”.

Informazioni su Confcooperative Abruzzo: http://www.abruzzo.confcooperative.it/

Scarica il Comunicato stampa Invito stampa A Pescara presentazione L’Italia che non ci sta di Francesco Erbani

Top